Progetto e riqualificazione di una palazzina

Progetto e riqualificazione di una palazzina

Progettisti: TANINO Maela architetto – MONTICONE Valentina architetto.

Il fabbricato oggetto di interesse è un immobile residenziale di 3 piani fuori terra risalente agli anni ’40 del ’900  e ne presenta alcuni caratteri tipici  come la forma, la struttura del tetto a molteplici falde, il balconcino d’angolo, i terrazzini rivolti verso il giardino interno, il corpo scala interno, le aperture in facciata, le tecniche costruttive e gli elementi di finitura esterni.
La distribuzione interna è garantita da un unico vana scala che serviva tutti i piani in cui si trovavano due alloggi trilocali ampi, atti ad ospitare una coppia o una famiglia di tre persone.
La soluzione prediletta dalla committenza, un’impresa edile proprietaria dell’intero immobile,  prevede un lieve ampliamento dell’immobile, che garantisce la regolarizzazione della forma dell’intero fabbricato. Tale accorgimento progettuale, in linea con i canoni dell’architettura bioclimatica, permette di ridurre le superfici disperdenti verso l’esterno nell’ottica di perseguire obiettivi di contenimento energetico e di comfort termico abitativo, dati dalla forma compatta dell’edificio.

L’ampliamento della planimetria, con l’aggiunta di speroni posti a sud/est, ha permesso di regolarizzare la forma del tetto, rendendolo a due falde simmetriche.
Ogni piano è progettato per accogliere tre piccole unità residenziali raggiungibili per mezzo del vano scala e dell’ascensore, installato internamente al corpo di fabbrica in modo tale da permettere l’abbattimento delle barriere architettoniche, dal piano interrato, ospitante cantine e garage, al piano terzo.
Il piano terzo, rispetto ai piani sottostanti, presenta una forma più irregolare e ospita due appartamenti organizzati su due livelli. La zona giorno si affaccia con tre grandi aperture su un ampio terrazzo che garantisce, in ingresso, grande luminosità e la sensazione di apertura verso l’esterno. La zona notte, nel piano sottotetto, ospita due camere di cui una dotata di cabina armadio, illuminate da tre finestrini affacciati sul terrazzo e due lucernari, e un bagno.

Sono state progettate serre solari captanti orientate a sud e ad ovest che incrementassero l’ingresso dell’energia solare nella stagione invernale e che, nella stagione estiva, opportunamente ombreggiate, scongiurassero il pericolo del surriscaldamento estivo. L’apertura totale dei serramenti permette di innescare il processo di ventilazione naturale degli ambienti interni.
La decorazione a rigoni color tortora dei prospetti permette di mettere in evidenza la collocazione del vano scale, nella porzione prospiciente la strada e la collocazione delle serre sul prospetto rivolto al cortile interno. Si è deciso di mantenere la decorazione a rigoni color tortora anche nei prospetti nord e sud rendendola caratteristica ricorrente nel fabbricato.

Categorie progetto: 
Ristrutturazioni